PRIVACY (regolamento UE 2016-679) – INFORMATIVA

I dati inseriti in questa pagina sono una elaborazione delle pagine pubblicate su https://www.garanteprivacy.it/regolamentoue

INFORMATIVA

E’ chiaramente espresso nel regolamento che il titolare, nel richiedere i dati, deve rendere all’interessato una informativa, anch’essa regolamentata nel suo contenuto minimo.

Vediamo insieme nel dettaglio i vari aspetti relativi all’informativa con l’aiuto visivo di alcune mappe mentali.

INFORMATIVA 1

I CONTENUTI

Nell’informativa devono essere presenti determinati contenuti: l’identità del titolare e del responsabile della protezione dei dati (RPD), sulla base di quali leggi o regolamenti nasce il diritto del titolare a raccogliere i dati dell’interessato e qual’è l’interesse legittimo del titolare.
Visto che la raccolta e l’archiviazione di questi dati presumibilmente verrà fatta digitalmente è obbligatorio anche esplicitare se e attraverso quali mezzi i dati sono trasferiti all’estero (paesi terzi).
Il titolare deve dire anche i diritti degli interessati, chi saranno i destinatari dei dati, il periodo in cui conserverà i dati, a quali scopi li utilizzerà ed, eventualmente, secondo quali profilazioni i dati verranno utilizzati. Infine che cosa questo può comportare per gli interessati.

INFORMATIVA-CONTENUTO

TEMPI MODALITA’ ed ESONERO

L’informativa deve essere consegnata immediatamente all’interessato oppure, nel caso i dati non siano raccolti direttamente presso l’interessato, entro un mese dalla loro raccolta.
Sono definite le modalità in cui l’informativa deve essere compilata. L’informativa infatti deve essere scritta con un linguaggio chiaro e semplice, senza arzigogoli inutili ma concisa; non deve essere orale ma proprio scritta, deve essere facilmente accessibile (per questo il garante suggerisce ove possibile, che la comunicazione avvenga in formato elettronico, ad esempio sul sito aziendale), e trasparente.
Infine, se, e solo se la comunicazione dell’informativa comporta uno sforzo sproporzionato, la norma prevede che il titolare possa essere esonerato da essa (come in tutto l’impianto della norma però l’onere della prova, in questo caso della sproporzione, ricade sul titolare).

INFORMATIVA - TEMPI MODALITA ESONERO

Leave a Reply